Scrivici

Per mandare una tua opinione, segnalare un articolo, scrivere una lettera o altro: arcigayveronablog@gmail.com

mercoledì 5 novembre 2008

IMMA BATTAGLIA: 'FATTI NON PAROLE. CARO WALTER URGE LEGGE BIPARTISAN SUI DIRITTI GAY.'


Imma Battaglia: “Fatti non parole. Caro Walter urge legge bipartisan sui diritti gay. Forza Walter, si può fare.” A Cossiga: “Fare equivalere omosessualità e pedofilia è indegno di un paese civile. Nessuno usi i gay per questioni politiche”.
Roma, 5 novembre ’08 - A Walter Veltroni che stamattina interviene sulla vicenda Binetti e ribadisce la posizione del PD Imma Battaglia che ieri si è schierata contro il “rogo” della Binetti ma contro le sue esternazioni, lancia una proposta concreta e progettuale: “Caro Walter, ci fa piacere la tua presa di posizione chiara e democratica sulla Binetti. Ma la tua posizione chiara sui gay, nei fatti, qual è? Sul tavolo politico giace al momento la proposta dei DiDoRe e le proposte di legge di Paola Concia in materia di lotta all’omofobia e di unioni civili. E’ ora di passare dalle parole ai fatti. Un fatto concreto sarebbe dare forza subito a un tavolo bipartisan con il centro destra e arrivare a una legge bipartisan e condivisa. Solo così si può uscire dalle secche di una politica che ricominci a parlare dei diritti civili fuori dagli scontri ideologici. La società è pronta, la politica, ancora, tentenna. Forza Walter, coraggio, si può fare… Incontriamoci”.
E a Francesco Cossiga che interviene con la lettera aperta a Paola Binetti, Imma Battaglia ricorda: “Quando parla Cossiga mi preoccupo un po’, ma leggo con attenzione. E sinceramente osservo i fenomeni della società e della politica e vorrei dire al Presidente: “C’è un cattolicesimo democratico pronto a dare valore ai diritti civili, ad esempio Rotondi. Nel merito della tesi che, contesto, decisamente, espressa da Paola Binetti e che lei sembra riprendere oggi le dico: non c’è nessuna ragione etica né tanto meno scientifica per fare equivalere omosessualità e pedofilia, altrimenti ci sarebbe il 5% - così è stimata dall’OMS la popolazione gay nel mondo – che sarebbe pedofila. E’, questa, operazione indegna del vivere civile. I reati di pedofilia sono una tragedia perpetrata ai danni di innocenti da parte del mondo degli adulti, spesso eterosessuali. Le questioni politiche di assetto della seconda Repubblica non possono giocarsi sulla pelle dei gay né dei diritti civili, che se da noi vengono ancora definiti nuovi, nel mondo occidentale, sono già vecchi.” Alessandra Filograno

Nessun commento:

LGBT Politica e Movimento / Politica del Movimento

LGBT Politica e Movimento / Politica del Movimento - Blog di informazione e discussione politica a cura di Arcigay Pianeta Urano Verona e Arcilesbica Verona