Scrivici

Per mandare una tua opinione, segnalare un articolo, scrivere una lettera o altro: arcigayveronablog@gmail.com

lunedì 11 ottobre 2010

Mercoledì 10 novembre ore 21. Film "Viola di Mare" al Milk Center

Un film di Donatella Maiorca. Con Valeria Solarino, Isabella Ragonese, Ennio Fantastichini, Giselda Volodi, Maria Grazia Cucinotta. Marco Foschi, Alessio Vassallo, Lucrezia Lante Della Rovere, Corrado Fortuna, Aurora Quattrocchi, Ester Cucinotti
Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 105 min. - Italia 2009.
nerdì 16 ottobre 2009.
L'amore e la passione tra due donne in una Sicilia spigolosa
Stefano Cocci
Video: http://www.mymovies.it/film/2009/violadimare/trailer/
http://www.mymovies.it/film/2009/violadimare/trailer/

Un'isola intorno alla Sicilia, seconda metà dell'800. Gela e Sara crescono insieme ma le loro infanzie sono difficili: la prima subisce i soprusi di un genitore violento; la seconda perde il padre in guerra, mentre la guerra la strapperà all'amica e alla sua terra. Al suo ritorno, Angela si innamora di Sara e inizia il suo ostinato corteggiamento, da cui nascerà una relazione che, con il suo sviluppo inusuale, intaccherà riti millenari.
Viola di mare è il secondo film di Donatella Maiorca. Per il ritorno al cinema dopo tanta tv sceglie una storia difficile per il periodo storico che sta vivendo il nostro Paese: tratto dal romanzo "Minchia di Re" di Giacomo Pilati, racconta di due donne che si amano e, in qualche modo, spezzano le ritualità di una terra sempre uguale a se stessa. Angela e Sara, piegando ai propri scopi quei modelli consolidati, realizzano il loro sogno d'amore: grazie al potere del padre violento e al senso di colpa di un prete, Angela diventa Angelo.
Qui la Maiorca intraprende un sentiero imprevisto. Assaggiando la libertà degli uomini Angela rischia di esserne travolta e, suo malgrado, di diventare come il genitore che odia. Inutile negare o trascurare l'impatto che un film come Viola di mare può avere: due donne che vivono in Sicilia (nella terra di Divorzio all'italiana, non dimentichiamolo) ma potrebbero essere in qualsiasi altra regione d'Italia; è il XIX secolo ma, anche grazie alla colonna sonora di Gianna Nannini, potrebbero essere i nostri tempi; insomma, un luogo e un tempo in cui il continuo conflitto tra tradizione e modernità è trasposto nelle scene di violenza, un modo di comunicare che sembra improntare una terra spigolosa e dura come le sue rocce.
Solide le interpretazioni: la Solarino algida e mascolina, la Ragonese sempre più brava e un Fantastichini sempre al livello dei suoi altissimi standard.

Al Milk Center - Via Nichesola, 9, Verona
(quartiere san Michele extra, vicino a piazza del popolo)
Entrata con tessera Arcigay o Arcilesbica
Euro 5 con consumazione*
Per Info: 346.9790553
*l’incasso servirà per pagare le spese e sostenere le attività e le iniziative del Milk Center.

sabato 9 ottobre 2010

Aperture del Centro-Destra sui diritti alle coppie gay

In pochi giorni, dal centro destra, sono arrivati due rumorosi "sì" ai diritti per le coppie di fatto gay.

E’ il caso, nell’i'ntervento alla Camera nel corso del dibattito sulle comunicazioni del presidente del Consiglio, di Benedetto Della Vedova, vicepresidente vicario dei deputati di Futuro e Libertà, che ha chiesto al governo di approvare “leggi che riconoscano le coppie di fatto omosessuali ed eterosessuali”.

Ancora, Enzo Raisi, esponente del Fli, intervistato da Klaus Davi, si è detto "favorevole ai diritti per le coppie di fatto omosessuali…... Per gli omosessuali preferisco una forma di diritti pacs".

Ci auguriamo che tali aperture, ancorché timide e ancora distanti dalle richieste di piena parità tra omosessuali ed eterosessuali, segnino un inversione di tendenza. Non possiamo quindi che apprezzare lo sforzo culturale di chi sta cercando di costruire un centro-destra finalmente europeo, laico e liberale, non legato a sterili posizioni di stampo clericale ma in dialogo con la società reale, convinto che le tematiche lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) costituiscano uno dei paradigmi di crescita del nostro Paese.

Ci aspettiamo ora anche da parte del centro sinistra una presa di posizione su temi fino ad ora disattesi ed inascoltati che poniamo all'attenzione della politica e della società da anni.
A tutta la classe dirigente chiediamo di esprimersi con chiarezza su questioni che reputiamo non ulteriormente differibili: il diritto all'uguaglianza, la piena cittadinanza, l'abolizione di ogni discriminazione fondata sull'orientamento sessuale e l'identità di genere, una legge di reale tutela contro l'omo-transfobia, l'accesso al lavoro per le persone trans, l'accesso alla procreazione medicalmente assistita per le persone e le coppie, nonché l'adozione di leggi a tutela dei numerosi figli di gay, lesbiche e persone transessuali.

Di fronte a questi segnali positivi, forti dell’'esperienza trentennale di elaborazione politico-culturale della nostra associazione, riteniamo che ci siano le condizioni politiche per un incontro-confronto diretto con i deputati di centro-destra che hanno espresso queste aperture e con tutte le altre forze politiche e sociali, anche per tradurre le dichiarazioni in esperienze concrete.

Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay

giovedì 7 ottobre 2010

Nasce EQUALITY ITALIA

Nasce EQUALITY ITALIA, prima lobby italiana sui diritti civili

Nasce la prima lobby per i diritti civili nel nostro Paese. È Equality Italia, presentata questa mattina presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati dal suo fondatore Aurelio Mancuso, esponente del movimento omosessuale ed ex presidente di Arcigay.

“L’Italia può tornare a fare passi avanti e a crescere – afferma Mancuso – solo se afferma la cittadinanza di tutte e tutti. Equality nasce per dialogare con la società, con la politica e con le Istituzioni e vuole superare la logica del nemico e delle discussioni partitiche, che spesso ostacolano un dibattito davvero concreto sui diritti civili”.

Alla presentazione hanno partecipato anche Paola Concia, Flavia Perina, Benedetto Della Vedova, Barbara Pollastrini, Rosaria Iardino, Gianni Cuperlo, Imma Battaglia, Irene Tinagli, Paola Balducci e Ivan Scalfarotto.

“Siamo convinti – aggiunge Mancuso – che sia necessario valorizzare gli spazi di autonomia e libertà con soluzioni legislative innovative per avvicinare il nostro Paese alle più avanzate democrazie europee”. A promuovere la nuova rete sui diritti civili un Comitato Nazionale di cui fanno parte Fabio Astrobello, Andrea Benedino, Carlo Guarino, Valentina Paris, Riccardo Gottardi, Enrico Fusco, Marco Palillo, Giovanni Caponetto, Simona Zucchet.

“Equality promuoverà come primi appuntamenti – conclude Mancuso – un evento per affrontare il modo in cui l’affermazione dei diritti e delle libertà dei cittadini è motore di sviluppo e crescita economica e un’iniziativa di confronto e dialogo con la Chiesa cattolica: sono molte, infatti, le persone che credono e che si riconoscono in un’idea più inclusiva di società”.

Sono molte le personalità del mondo politico, sociale e culturale italiano che sostengono Equality: Laura Balbo, Paolo Beni, Enzo Bianco, Mercedes Bresso, Giuseppe Civati, Maria Grazia Cucinotta, Lella Costa, Angela Azzaro, Fabio Granata Miriam Mafai, Elena Montecchi, Matteo Orfini, Ottavia Piccolo, Stefano Rodotà, Filippo Rossi, Piero Sansonetti, Sofia Ventura, Tobia Zevi e Jean Leonard Touadì.

I nostri contatti: http://www.equalityitalia.it/

info@equalityitalia.it – 347.0490109

LGBT Politica e Movimento / Politica del Movimento

LGBT Politica e Movimento / Politica del Movimento - Blog di informazione e discussione politica a cura di Arcigay Pianeta Urano Verona e Arcilesbica Verona